Tu sei qui

Valutazione del servizio scolastico

Premessa

Scopo di ogni tipo di valutazione è la riprogettazione, nel tentativo continuo del miglioramento dell’efficacia formativa del servizio. La valutazione permette di porre l’attenzione sulle “azioni” oltre che sulle “intenzioni”, sulla dialettica tra bisogni e risposte, tra domanda e offerta.  

  • Si ritiene che la verifica della qualità, data la specificità del servizio scolastico, debba intendersi come controllo dell’esito sia dal punto di vista della riuscita degli alunni, che delle prestazioni (come è il servizio, come viene erogato).
  • Ciò coinvolge necessariamente molti aspetti e molte persone in un programma complesso, dove la qualità del servizio diventa  un valore condiviso.

Il servizio scolastico può essere valutato individuando specifiche AREE DI QUALITA’ , quali:

  • attività didattica curricolare,
  • attività di arricchimento formativo,
  • aspetti organizzativi,
  • aspetti funzionali,
  • rapporti con le famiglie,
  • rapporti con agenzie esterne.

Autoanalisi dell'Istituto

  • La prima forma di valutazione viene svolta dal Gruppo Docente, dal Consiglio di Classe, dal Consiglio d’Interclasse, dal Collegio Docenti e dal Comitato di Valutazione.
  • La seconda forma di valutazione del servizio è quella generale.
  • E’ affidato allo staff delle figure funzionali alla realizzazione del POF che ha il compito di costruire strumenti specifici per la verifica/valutazione nelle aree di qualità sopraelencate.

Raccolte le informazioni necessarie, il compito passa al  Collegio dei Docenti che dovrà:

  • individuare eventuali aspetti problematici su cui riflettere;
  • identificare e definire il problema;
  • ipotizzare possibili soluzioni;
  • deliberare le soluzioni realizzabili;
  • verificare la loro applicazione.

Con il progetto VALeS - di durata triennale - si intende definire un modello valutativo che possa fornire indicazioni utili per la definizione del futuro Sistema Nazionale di Valutazione. Il progetto coinvolge scuole di tutti i gradi nella definizione di un percorso ciclico che lega la valutazione al miglioramento. Con questa iniziativa le scuole vengono coinvolte in una ricerca partecipata, all'insegna di un'autonomia scolastica responsabile e qualificata. In tale percorso sono organicamente inserite la valutazione delle scuole e la valutazione del dirigente scolastico, al fine di definire in modo integrato il piano di miglioramento della scuola e gli obiettivi di risultato della dirigenza scolastica. L’INVALSI nel progetto VALeS ha il compito di supportare le scuole nel processo di autovalutazione e di realizzare la valutazione esterna delle scuole. Nello specifico il gruppo di ricerca INVALSI si occupa di definire indicatori, strumenti e procedure di valutazione, formare e coordinare i team di valutazione esterna. Per la definizione delle linee progettuali l’INVALSI si avvale inoltre di un Comitato tecnico scientifico. Il progetto si articola con i seguenti tempi:

  • Novembre 2012 – gennaio 2013 le scuole svolgono attività autovalutative e elaborano un rapporto di autovalutazione
  • Febbraio – aprile 2013 i team di valutazione esterna esaminano la documentazione delle scuole, visitano le scuole e elaborano i rapporti di valutazione esterna
  • Maggio 2013 le scuole definiscono i piani di miglioramento
  • A.s. 2013-2014 le scuole sviluppano i piani di miglioramento
  • A.s. 2014-2015 i team di valutazione esterna visitano nuovamente le scuole e elaborano nuovi rapporti di valutazione esterna

In breve: Che cosa è il Progetto VALES?

  • Si tratta di un progetto sperimentale di valutazione delle scuole
  • Si ispira alle tematiche
    • Dell’autovalutazione
    • Della qualità e del ciclo di miglioramento continuo
    • Del coinvolgimento dei detentori di interessi (stakeholders)

Chi coinvolge?

  • Coinvolge il dirigente scolastico (rientra nella valutazione del suo lavoro)
  • Coinvolge i docenti e l’organizzazione dell’istituto (deve servire a aiutare la scuola a fare il punto sull’andamento della sua attività istituzionale)
  • Coinvolge le famiglie e gli studenti (come attori responsabili e come cittadini a cui l’attività istituzionale è rivolta)

Chi e come lo gestisce?

  • Il progetto è gestito dall’INVALSI
  • Viene gestito attraverso una rilevazione di indicatori e una visita in presenza
  • Accanto a questionari standard, prevede la valorizzazione di tutti i dati che la scuola voglia raccogliere o abbia già raccolto.

L’autoanalisi del servizio scolastico  è, inoltre oggetto di attenzione da parte del Consiglio d’Istituto per i seguenti fattori di qualità :

  • numero personale e presenza,
  • ambienti,
  • sussidi e attrezzature,
  • funzionalità orario scolastico,
  • regolamentazione comportamenti,
  • funzionalità servizi amministrativi,
  • funzionalità servizi comunali e sanitari,
  • rapporti con il territorio.

Sito realizzato e distribuito da Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici, nell'ambito del Progetto "Un CMS per la scuola" - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.

CMS Drupal ver.7.64 del 06/02/2019 agg.22/02/2019